13.4.10

Simbiosi

Lui è un sadico, io una masochista. Detta così suona perfetto.

Questa volta ho imparato a non urlare il mio masochismo.
Questa volta è silenzioso, e mascherato da saggezza.

Io parlo, supplico, spiego, motivo, chiarisco, smaschero, prego, ci provo in tutti i modi.
Lui sputa, denigra, si lagna, critica, blocca, respinge, distrugge e cancella ogni spiraglio.

E io sono così stanca. E se mollo io, crolla tutto.

1 commento:

Luigi Sarto detto Jack - www.amicofragile.it ha detto...

ad ogni modo, qualunque sia poi quello che sarà, io faccio il tifo per te.
jack

Bene, se mi dici che ci trovi anche dei fiori in questa storia, sono tuoi
ma è inutile cercarmi sotto il tavolo,
ormai non ci sto più
ho preso qualche treno, qualche nave,
qualche sogno, qualche tempo fa


Ricordi che giocavo coi tuoi occhi nella stanza, e ti chiamavo mia,
e inoltre la coperta all'uncinetto, c'era il soffio della tua pazzia
e allora la tua faccia vietnamita ricordava tutto quel che ho.


E adesso puoi richiuderti nel bagno a commentare le mie poesie
però stai attenta a tendermi la mano,
perché il braccio non lo voglio più
mia madre è sempre lì che si nasconde dietro i muri
e non si trova mai
e i fiori nella vasca sono tutto quel che resta e quel che manca,
tutto quel che hai
e puoi chiamarmi ancora amore mio


E qualche volta aspettami sul ponte, i miei amici sono tutti là
con lunghe sciarpe nere ed occhi chiari, hanno scelto la semplicità
se Luigi si sporge verso l'acqua sono solo fatti suoi


E ancora mille volte, mille anni, ci scommetto, mi ringrazierai
per quel sorriso ladro e per i giochi, i mille giochi che sapevi già
e ancora mi dirai che non vuoi essere cambiata, che ti piaci come sei


Però non mi confondere con nienete e con nessuno, e vedrai...
niente e nessuno ti confonderà
soltanto l'innocenza nei miei occhi, c'è nè già meno di ieri, ma che male c'è
le navi di Pierino erano carta di giornale, eppure vedi, sono andate via
magari dove tu volevi andare ed io non ti ho portato mai
e puoi chiamarmi ancora amore mio

Francesco De Gregori

Siete passati di qui in